A chi è rivolto?

Madhya Yoga è rivolto ai bambini e agli adolescenti che vivono una condizione fisica o psichica particolare, una qualunque disabilità, una malattia, un momento difficile da affrontare.

È importante essere consapevoli che TUTTI i nostri bambini e adolescenti possono praticare Yoga, in armonia con le necessità e le capacità di ognuno e che il percorso si rivela terapeutico e benefico per il Cuore ed il corpo anche per il bambino senza alcun bes o disabilità, poiché ognuno di noi ha i suoi bisogni speciali.

Madhya Yoga si svolge in lezioni individuali, lezioni a piccoli gruppi ed è utilizzabile all’interno di ospedali, case famiglia, ecc. in collaborazione con le figure terapeutiche e caregiver di riferimento.

Anomalie e paralisi cerebrali

Non c’è limite fisico o cerebrale che non permetta una pratica dolce e profonda. Posture comode e movimenti lievi conducono i bambini con questi tipi di disturbi alla riscoperta serena del proprio corpo e al rilascio di ogni tensione fisica, mentale ed emotiva. La pratica Yoga varia a seconda delle condizioni e dei bisogni del singolo, alternando Asana sostenute e guidate, a Pranayama, Rilassamento, Meditazione, giochi sensoriali.

Autismo e Sindrome di Asperger

Con lo Yoga si intende lavorare sia sul piano fisico, sia, seppur indirettamente, sul piano motivo del giovane studente. Questi sono solo alcuni dei benefici della pratica Yoga, appurati da The Academy for Autism in Orlando FL (dove lo Yoga è una pratica quotidiana): aiuta nei processi sensoriali, la modulazione, la consapevolezza del corpo, il rilassamento, il piano motorio, il controllo, la forza e la resistenza, la coordinazione, l’integrazione bilaterale, l’equilibrio, le sequenze, il seguire le istruzioni, la durata dell’attenzione, l’interazione sociale. Inoltre la pratica Yoga lavora per ridurre i livelli di ansia e stress ed incrementare la comunicazione.

Sindrome di Down

Lo Yoga, attraverso le Asana, aiuta ad allungare, tonificare e rafforzare tutto il corpo, agisce a beneficio degli organi interni e contribuisce a bilanciare e rivitalizzare le ghiandole endocrine. La pratica del respiro aumenta la capacità respiratoria e allevia problemi legati alla digestione e allo stress. La pratica Yoga, nei suoi molteplici aspetti, lavora sul sistema nervoso centrale, accresce la consapevolezza del corpo, l’abilità motoria, la concentrazione, la memoria.

Disprassia e disturbi della coordinazione e del movimento

Il lavoro con il giovane studente mira ad incrementare e migliorare la coordinazione grosso-motoria e la coordinazione oculo-manuale. Lentamente e step by step, con semplici e adeguati movimenti, legati al respiro e uniti al gioco, si esplorerà il corpo. In un clima sereno e giocoso, il bambino con disprassia si cimenterà in posizioni guidate e sostenute, che lo metteranno in contatto con le sue capacità e possibilità, sviluppando la concentrazione e la sua autostima.

Iperattività e disturbi dell’attenzione

La pratica Yoga agisce su più livelli: è una pratica fisica, che usa molto il corpo in modo strutturato e completo; agisce sulla mente, lavorando sulla concentrazione, l’equilibrio, l’accettazione, il coraggio, la quiete e la creatività; e agisce sulle emozioni, seppur indirettamente: il bambino trova il centro di sé, impara ad osservare la sua parte interiore con naturalezza, a diventarne consapevole, e a gestirla con serenità.

Disturbi alimentari

Lo Yoga parla al corpo e alla mente nello stesso tempo e dà dei metodi per agire sulla mente e sul corpo contemporaneamente. Questo è importante per la cura dell’anoressia, perchè l’anoressia è tipicamente un disturbo psicosomatico. La parola non è sufficiente, le medicine non sono sufficienti, ma si deve trovare un modo per agire sul corpo e la mente contemporaneamente.” Sostiene lo psichiatra francese Jaques Vigne, autore del libro “Anoressia e Conoscenza Interiore”. Lo Yoga aiuta, in questo tipo di disturbi, a ricostruire un nuovo rapporto con sè stessi partendo dal corpo, fino al raggiungimento di una nuova consapevolezza interiore, basata sulla fiducia e sull’amore verso il proprio intero essere.

Lo Yoga aiuta a superare traumi e momenti difficili

Vogliamo dedicare e rivolgere la pratica Yoga anche a tutti quei bambini che si trovano a dover affrontare un momento difficile. Le cause possono essere diverse: una degenza ospedaliera, una malattia, un lutto in famiglia, una separazione, un trauma ecc. Riteniamo che sia fondamentale fornire al bambino, in questi momenti particolari di vita, un’assistenza costante e continuativa, accompagnandolo per mano. La pratica Yoga è: fornire gli strumenti interiori per comprendere ciò che accade, trovare la calma e il coraggio necessari per vivere la realtà.